Due chiacchiere con Giulia Vitaliti, Tecnico Veterinario e fondatrice di Tecnivet

Giulia Vitaliti ha svolto la professione di Tecnico Veterinario presso diverse strutture italiane; è sempre stata attratta dal mondo della Chirurgia Veterinaria, ma negli ultimi dieci anni ha conosciuto e vissuto da vicino il mondo degli animali disabili, rimanendone affascinata.

Nel 2009 fonda Tecnivet (Associazione Culturale e Scientifica per Tecnici e Medici Veterinari) e oggi ne riveste il ruolo di Presidente. L’associazione nasce con l’obiettivo di promuovere l’arricchimento culturale dei soci, organizzando giornate di studio, convegni, seminari, webinar, corsi di aggiornamento e di formazione su argomenti e problematiche di interesse scientifico e professionale; ma desidera soprattutto essere un punto di riferimento nella vita lavorativa degli associati, specialmente in situazioni di necessità, e tenere in considerazione le effettive esigenze degli appartenenti alla categoria.

Abbiamo fatto due chiacchiere con Giulia, sempre felicissima di parlare della professione di cui è profondamente innamorata.

Chi è il tecnico veterinario?

Il tecnico veterinario può trovare collocazione in diversi ambiti; in primis all’interno delle strutture veterinarie, dove rappresenta una figura altamente qualificata in grado di coadiuvare in ogni situazione il lavoro quotidiano del medico veterinario, potenziando di conseguenza la produttività del veterinario stesso e della struttura.

Cosa può fare e cosa non può fare un tecnico veterinario?

Il tecnico veterinario rappresenta un concreto aiuto nel contenimento degli animali, nell’accoglienza del cliente e nella gestione dell’igiene generale dell’ambiente di lavoro. I tecnici eseguono ad oggi procedure infermieristiche di natura ambulatoriale e chirurgica, di medicina di laboratorio, di allestimento delle sale operatorie, di monitoraggio del paziente in fase di risveglio post-chirurgico; svolgono inoltre altre mansioni essenziali come il triage, l’accoglienza e l’accettazione del paziente dal suo ingresso in struttura all’eventuale ospedalizzazione.

Inoltre, il tecnico si confronta direttamente con i proprietari, ascolta l’anamnesi, esegue esami ematochimici e raccoglie campioni biologici, organizza il lavoro in sala ferri, fornisce aiuto durante gli interventi chirurgici, si occupa di eseguire radiografie; il tutto rigorosamente e sempre sotto la supervisione del medico.

Chi come noi ha scelto di studiare e intraprendere questa professione è perfettamente consapevole di non poter in nessun modo sostituire la figura del medico veterinario diagnosticando patologie, eseguendo interventi chirurgici, impostando terapie o svolgendo qualsiasi pratica prettamente di carattere medico.

 Chi sceglie di diventare Tecnico veterinario lo fa con consapevolezza e orgoglio nel ricoprire un ruolo fondamentale per rendere davvero efficace il lavoro del medico veterinario.

Alcuni di noi, grazie al diploma e/o alla laurea, hanno potuto specializzarsi attraverso dei corsi come osteopata, fisioterapista, informatore medico scientifico per aziende farmaceutiche e di mangimistica, rappresentante di grosse aziende per il monouso, etc. Ad esempio, un nostro stimato collega gestisce una pensione esclusivamente dedicata agli animali disabili e anziani. Reputo fondamentale che un posto del genere venga gestito da personale competente.

Un altro impiego che sta emergendo per questa categoria professionale è quello relativo all’assistenza domiciliare; previa ricetta e indicazioni del medico curante, forniamo assistenza a domicilio per pazienti in difficoltà, dando continuità al lavoro del medico veterinario che spesso si ritrova a dover affidare al proprietario le terapie fondamentali per la risoluzione del problema.

Un altro servizio che forniamo e a cui tengo tantissimo, è l’assistenza a domicilio per la gestione dei pazienti disabili, per gli anziani, per i pazienti immobilizzati. Sono situazioni molto difficili da affrontare per chi non è del mestiere, e sapere di non essere soli, ma di poter contare su un’assistenza infermieristica adeguata, garantisce qualità per il lavoro del medico, ma soprattutto per il nostro amato paziente.

Che differenza c’è tra un tecnico e un assistente veterinario?

Negli Stati Uniti, e anche in tutto il resto del mondo, esiste da sempre una figura che opera a sostegno del tecnico veterinario; così come in umana esiste l’OSS, anche in veterinaria si sta formando una figura di supporto al lavoro del tecnico e del medico. L’assistente veterinario è un valido supporto per la contenzione degli animali; si occupa della gestione del paziente, dall’igiene e alla cura fino all’alimentazione.

Parlaci dell’Associazione Tecnivet. Qual è il suo scopo? Cosa ti ha spinto a fondarla?

Quando fondai l’Atav (Associazione Tecnici ausiliari veterinari), nel 2006, questa fu la prima associazione di categoria in Italia. Insieme a tanti colleghi perseguivamo l’obiettivo comune dell’affermazione e della valorizzazione della nostra categoria.

Poi, per una serie di motivazioni pratiche, decisi di fondare un’altra associazione che persegue gli stessi obiettivi ma con modalità differenti. Avevamo bisogno di dar voce alle nostre parole, di far chiarezza sulle nostre mansioni, sul nostro inquadramento contrattuale, ma soprattutto su una questione fondamentale: chi siamo?

Beh, con l’associazione Tecnivet siamo partiti da lì. Abbiamo iniziato a incontrarci e a pretendere di crescere professionalmente per iniziare a creare un’identità per la nostra professione. Insieme a Laura Grottadaurea e altri volenterosi colleghi abbiamo organizzato incontri caratterizzati dalla presenza del medico e del tecnico che trattavano lo stesso argomento, proprio per far capire al nostro pubblico composto anche da medici quale fosse la sostanziale differenza. Il messaggio è stato chiaro fin da subito.

L’associazione Tecnivet è il frutto del lavoro di tutti Noi. Ognuno ha portato un pezzo di sé all’interno dell’associazione, uno degli scopi principali per cui decisi di impegnarmi in questo progetto. La Tecnivet siamo Noi! I soci mettono a disposizione dell’associazione le proprie capacità professionali e umane affinché venga perseguito l’obiettivo comune: l’affermazione e la valorizzazione della categoria dei Tecnici veterinari.

Abbiamo da poco rinnovato il sito con lo scopo di dare spazio alle nostre necessità professionali e non solo. Molti di noi si sono appassionati a un argomento e hanno scritto un articolo da condividere con tutti. Altri hanno preferito condividere le proprie capacità professionali attraverso dei video.  Insieme tutto è possibile! Questo mi hanno insegnato e sono convinta che insieme possiamo fare molto di più per la nostra categoria.

Come si diventa tecnici veterinari?

Chi volesse diventare tecnico veterinario in Italia può scegliere se seguire un corso privato, come i corsi proposti dalla VeTech School e Abivet, oppure optare per una formazione universitaria. In questo caso sono da menzionare la Facoltà di Medicina Veterinaria di Udine, che eroga un corso di laurea triennale interfacoltà denominato Igiene e sanità animale con orientamento Assistente veterinario, e la Facoltà di Medicina Veterinaria di Teramo, in cui è attiva una laurea triennale denominata Tutela e benessere animale. Inoltre a Camerino , Milano e Udine sono disponibili i corsi di L38.

Cosa consigli a chi si approccia a questa professione o a chi intende iniziare un percorso di studi in questa direzione?

Consiglio sempre agli studenti di impegnarsi tanto perché il percorso non è facile e il costante aggiornamento è fondamentale. Il nostro è un lavoro molto specifico, diventa importante organizzarsi ed esercitarsi il più possibile per acquisire da subito una buona manualità. Andate nei canili e nei gattili ad aiutare gli animali che hanno bisogno; oltre che a essere un valido supporto per i bisognosi, imparerete cose che vi renderanno un Tecnico migliore.

Come è percepita comunemente questa professione? Hai mai avuto l’idea di essere percepita come un veterinario di serie B? Sta cambiando qualcosa da questo punto di vista in Italia?

Chiunque sia entrato in un ospedale non ha potuto fare a meno di notare quanto il personale infermieristico sia fondamentale nella gestione del paziente. Il Tecnico Veterinario ha un gran da fare all’interno della struttura veterinaria perché si deve occupare di tante cose, soprattutto quando hai molti ricoverati da gestire. Con immenso dispiacere sono stata testimone in passato di episodi in cui alcuni veterinari temevano che volessimo rubargli il lavoro, confrontando anni di studi universitari, con due anni di corso privato. Palesemente due figure diverse, con due nomenclature diverse. Fare il medico è un ruolo molto importante e di grande responsabilità, spesso non bastano cinque anni di studio; davvero non vedo come potremmo mai arrogarci il diritto di avere un eguale livello di preparazione.

Spero che i seminari organizzati e aperti anche ai medici aiutino a stimolare la collaborazione e la comprensione reciproca.

Nella mia carriera ho affiancato medici veterinari di alto livello da cui ho imparato tantissimo, ma ho anche lavorato con medici veterinari giovani, e il crescere insieme, confrontandosi e studiando insieme, è stato fondamentale per la mia crescita professionale.

Vuoi dirci due parole su quali sono i miti da sfatare e i luoghi comuni di questo lavoro?

Il più grande luogo comune da sradicare è senza dubbio quello a cui accennavo prima: nessuno vuole rubare il lavoro a nessun altro. Vogliamo solo poter esistere, essere liberi di prenderci cura degli animali come farebbe un infermiere con un umano, collaborando e crescendo insieme al medico veterinario.

Summary
Due chiacchiere con Giulia Vitaliti, Tecnico Veterinario e fondatrice di Tecnivet
Article Name
Due chiacchiere con Giulia Vitaliti, Tecnico Veterinario e fondatrice di Tecnivet
Description
Intervista a Giulia Vitaliti sul mestiere del tecnico veterinario e sull'associazione Tecnivet.
Author
Publisher Name
Vetadom
Publisher Logo